Manca

S
0
0
g
0
0
h
0
0
m
0
0
s
0
0

al prossimo turno

PRO PATRIA

PRO PATRIA

  • Classifica
  • Mantova 80
    Padova 77
    L.R. Vicenza 71
    Triestina 64
    Atalanta U23 59
    Legnago Salus 56
    Giana Erminio 53
    Lumezzane 53
    Pro Vercelli 53
    Trento 51
    Virtus Verona 47
    PRO PATRIA 46
    AlbinoLeffe 45
    Pergolettese 45
    Renate 45
    ArzignanoChiampo 44
    Novara 43
    Fiorenzuola 38
    Pro Sesto 35
    Alessandria (-3) 19

NEWS

ALMANACCO BIANCOBLU'

 
Serie C2/a, 2001-02, 14^ giornata
L***ano, 2 dicembre 2001, stadio "Giovanni Mari" 
 
L***ano - Pro Patria: 1-2: 20' Chiarotto (Pro), 71' Taribello (L), 84' Zaffaroni (Pro)
 
L***ANO: Pavesi, Koffi, Modica, Schenone, Marcat, Salvatori, Moretti, Garegnani, Shala (51' Iori), Cardamone, Taribello - Allenatore: Mario Belluzzo
 
PRO PATRIA: Caniato, Toniolo, Dato, Zaffaroni, Salvalaggio, Chiarotto (89' Pennacchioni), Asara, Ferraresso, Dall'Acqua, Manicone, Porfido (79' Romairone).
In panchina: Capelletti, Cresta, Scienza - Allenatore: Gianfranco Motta
 
Arbitro: Sig. Paolo Mariuzzo di Venezia
 
NOTE: giornata nuvolosa e fredda, terreno in perfette condizioni. Spettatori 3.800 circa
 
Il 2 Dicembre 2001 davanti a circa 3.800 spettatori, più della metà biancoblù (i 1.150 biglietti a disposizione dei tifosi Tigrotti vengono bruciati nei primi due giorni di prevendita), la Pro Patria sbanca il Mari con una convincente prova di forza e di carattere, che porta ad un’altra vittoria nei minuti finali. 
Tigrotti senza Arioli e Erba infortunati. Padroni di casa guidati dall'ex Mario Belluzzo, che a centrocampo schierano l'ex Milan, Fiorentina e Atalanta, Stefano Salvatori, in avanti la coppia Shala-Taribello, supportati da Cardamone.
Pro Patria in controllo della gara sin dalle prime battute di gioco con Dall'Acqua marcato strettissimo.
Vantaggio tigrotto con Vanni Chiarotto al 20' primo tempo, dove si registra anche una clamorosa traversa (parte inferiore con la palla che balla sulla riga) colpita da Stefano “Terminator” Dall'Acqua, dopo un'azione personale tutta forza e potenza. 
Non si corrono pericoli e quando tutto sembra al sicuro arriva un finale ad alta tensione a causa dell'ennesima papera di Caniato all'ippodromo (sempre la stessa porta), che serve su un piatto d’argento il pareggio al 71'. Assalto dei tigrotti alla porta avversaria, al 79' Motta toglie un esausto Porfido inserendo Romairone e all'84’ arriva il gol del raddoppio con la splendida girata di testa di capitan Zaffaroni (ex di giornata) che s'infila sotto la traversa, proprio davanti agli Ultras biancoblù, per un boato che si alza da tutto l'impianto. Una rete che ci regala la vittoria nel derby e la conferma del primato.

 
 
 
 
 
Zaffa ha appena insaccato...
 
 
 
 
 

← archivio news