Manca

S
0
0
g
0
0
h
0
0
m
0
0
s
0
0

al prossimo turno

PISA

PRO PATRIA

  • Classifica
  • Piacenza* 33
    Carrarese 31
    Pro Vercelli** 29
    Pisa* 28
    Arezzo 27
    Pontedera 26
    Virtus Entella***** 23
    Novara** 21
    Robur Siena** 21
    Cuneo* (-3) 20
    PRO PATRIA 20
    Gozzano 17
    Juventus U23 17
    Alessandria 16
    Albissola 15
    Pro Piacenza*** (-1) 15
    Arzachena* (-1) 14
    Olbia** 14
    Lucchese* (-8) 12
    Pistoiese** 11

enrico candiani

 

     Busto Arisizo 29 Settembre 1918 - 27 Febbraio 2008

 

 

Enrico Candiani, uno dei più grandi giocatori bustocchi e biancoblù di tutti i tempi. Un attaccante di razza dal sinistro micidiale, la cui brillante carriera ha purtroppo dovuto fare i conti con gli anni più bui della Seconda Guerra Mondiale e dell’epoca dura, della seguente ricostruzione.
Per dare l'idea della qualità del calciatore, è stato uno dei pochissimi a vestire le maglie delle tre grandi: Inter, Milan e Juventus, con Roby Baggio, Edgar Davids e Bobo Vieri. Giocatore veloce tutto sinistro, una tipica ala del calcio vecchio stile; un mancino dotato tra l'altro di un gran tiro secco e preciso, tra i migliori di sempre del calcio italiano. Memorabili furono le sue battaglie in campo con Ballarin e Maroso terzini del "Grande Torino", sia con la maglia dell'Inter che con quella della Pro. Le sue "sventagliate", improvvise e secche, piegavano di sovente le mani ai portieri e con facilità, realizzava delle doppiette, ma era capace anche di concedere  il tris, oltre al famoso poker, che con la maglia nerazzurra rifilò ai granata di Valentino Mazzola. Il mancino bustocco, era l'idolo dell'Avvocato Prisco, il quale portava sempre con se, nel portafoglio una sua foto, ricordandolo come uno dei migliori giocatori nerazzurri di ogni epoca.
Cominciò a tirare i primi calci al pallone, all'Oratorio dei Frati, per approdare in seguito alle giovanili della Pro Patria nel 1932, portato da Caimi senior. Si mise subito in evidenza, con quel suo sinistro micidiale, che già incanta e che lascia anche il segno per la potenza, nonostante il fisico mingherlino che gli valse subito il soprannome di "Candianela". Nei tigrotti del tempo, militava Leopoldo Conti, ex capitano dell'Inter e giocatore della Nazionale, che lo segnala ai nerazzurri, che lo prelevano però di nascosto dalla Pro, facendo infuriare non poco la dirigenza biancoblù del tempo, che a poco più di sedici anni lo aveva già inserito nell’orbita della Prima squadra.
A diciannove anni, fa il suo esordio con la maglia dell'allora Ambrosiana-Inter, in Coppa Italia contro il Vicenza, il 5 Dicembre 1937, gara terminata 5-2, per i nerazzurri. L’esordio ufficiale in campionato avviene l’anno dopo esattamente alla 3^ giornata, il 2 Ottobre 1938, in un vittorioso derby contro il Milan, con rete di Annibale Frossi, che poi diventerà giocatore della Pro. Nella sua prima stagione con i nerazzurri, colleziona altre 17 presenze, andando a rete per ben 8 volte; inizialmente parte nel ruolo di mezzala, venendo poi spostato all’ala pura dal tecnico Tony Cargnelli, vincendo la Coppa Italia 1938-39. Si impone definitivamente come titolare la stagione successiva, quando con otto reti, contribuisce in modo notevole alla conquista dello scudetto nerazzurro targato 1939-40, con la seguente formazione: Perucchetti, Poli,  Setti, Locatelli, Olmi, Campatelli, Frossi, Demaria, Guarnieri, Candiani, Ferraris II°. Altri giocatori: Ballerio, Barsanti, Battaia, Buonocore, Caimo, Caracciolo, Ferrari, Meneghello, Pozzo, Rubezzi, Rovelli, allenatore Tony Cargnelli.
Rimane con la maglia del "biscione", per sette stagioni, sempre da protagonista, fino al 1946, per un totale di 169 gare ufficiali (Campionato, Coppa Italia e Coppa Europa), con 59 gol, vincendo oltre al già citato scudetto 1939-40 anche la Coppa Italia del 38-39. Giocando con Meazza e Frossi, entrambi poi alla Pro, Campatelli, Ferrari e Ferraris II°; per un breve tratto della sua permanenza in nerazzurro come compagni si ritrova anche il bustocco Natale Masera, Guarnieri e Barsanti tutti poi alla Pro. Affrontando da avversario, l'altro grande mancino bustocco, Carlo Reguzzoni, alfiere e bomber del Bologna. Con l'Inter, disputa anche due partite nelle Coppe europee.
Rimane memorabile, negli annali del calcio italiano, l'ultima sua gara con la maglia dell'Inter, disputata contro il "Grande Torino", il 14 Luglio del 1946. Inizialmente non convocato, per dissapori con la società, per una sua ventilata cessione non gradita alla Lazio, si ritrovò a Busto a giocare a bocce con gli amici fino a tarda notte. Il giorno dopo si presentò tranquillamente all'Arena di Milano, per "vedere" la gara dei suoi compagni di squadra, l'allenatore Carcano, lo buttò lo stesso in campo. Morale della favola sei tiri, sei, verso il mitico Valerio Bacigalupo, segnando quattro volte, colpendo un palo ed una rete gli venne annullata. Candiani, rimarrà l’unico calciatore a segnare quattro reti in una sola gara a quella mitica squadra granata.
Prestazione che unita all’ottimo andamento dei campionati precedenti, lo mette nel mirino del presidente del Toro, Ferruccio Novo, per un possibile scambio alla pari con l’Inter, in cambio del varesino Franco Ossola. Lo scambio non va però a buon fine, ma Candiani, si trasferisce lo stesso a Torino, però sulla sponda juventina. Dalla "Madunina", passa così sotto "La mole", vestendo il bianconero, con un giovanissimo Boniperti, oltre a Depetrini, Parola ed i fratelli Sentimenti, giocando 35 gare segnando 15 reti, contribuendo a trascinare la Juve al secondo posto proprio alle spalle del Toro.
L'esperienza juventina, fu quella che umanamente considerò di meno,  non inserendosi mai nell'ambiente bianconero, definendolo piuttosto arrogante...
Dopo una sola stagione, riapproda finalmente alla Pro Patria, nel 47-48, che nel frattempo era tornata a ruggire nella massima serie. Arriva nella finestra del calciomercato invernale, facendo il suo esordio a Napoli, in campo neutro contro il Bari; vittoria per 3-1 dei tigrotti, con Candiani che realizza una doppietta, con una rete siglata direttamente dalla bandierina. Così tanto per gradire. Era la Pro che salutava Reguzzoni, alla chiusura con il calcio giocato, a quarant'anni, ed  in formazione aveva Lello Antoniotti, Azimonti, Borra, Cavigioli, Turconi, Uboldi e Visco. Due stagioni con la maglia biancoblù con 56 presenze e 20 reti. Contribuendo non poco alle fortune di quella che è ritenuta la migliore stagione di sempre della Pro, con l'ottavo posto finale in Serie A. Quella che per intenderci batteva fra le altre Inter, Milan, Fiorentina, Napoli, Genoa, Lazio e, si permetteva di andare a vincere 4-0 fuori casa, contro la Juventus all'ultima di campionato, il 4 luglio 1948.
In seguito ad alcune diverse vedute con la dirigenza del tempo, riscatta il suo cartellino per un controvalore di 2milioni di Lire dell'epoca, lascia così ancora Busto, per ritornare un'altra volta Milano, nell’estate del 1949, questa volta sponda rossonera, dove completa al meglio il trio svedese Gre-No-Li. Fu un protagonista, proprio al suo esordio, con la maglia milanista, di un rocambolesco derby, con "il diavolo" a condurre per 4-1, proprio grazie ad una sua doppietta nei primi sei minuti di gara. La smania di strafare, con molti uomini alla ricerca della gloria, portò il Milan a riversarsi tutto in avanti, scoprendosi clamorosamente, alla fine fu l'Inter che s'impose per 6 a 5. Altra gara da annali fu la vittoria del Milan a Torino contro la Juve, per 7-1, con Candiani che regalò diversi assist vincenti e chiuse il tabellino, con la rete finale. Al termine della stagione, sono otto le reti realizzate, in ventidue gare giocate, con il Milan che chiude al secondo posto alle spalle della Juventus con cui aveva duellato a lungo.
Al termine della stagione passa al Livorno in Serie B, dove con scende in campo solo 8 volte, realizzando però due reti. L’annata successiva 1951-52, raggiunge a Foggia, il suo vecchio mentore dei tempi dell’Ambrosiana-Inter, Tony Cargnelli allenatore dei pugliesi in Serie C, squadra con cui chiuse con il calcio giocato a 35 anni con 27 presenze e 7 reti. Al termine della carriera diventa imprenditore nel settore meccano-tessile.
Gioca complessivamente 285 gare nella massima serie, segnando la bellezza di 106 reti, di cui 231 presenze e 80 reti nel campionato di Serie A, il rimanente 54 gare e 26 reti, nel campionato “mutilato” per motivi di guerra del 1944, e quello del 1945-46 con denominazione Alta Italia. E’ tutt’ora tra i migliori 100 marcatori più prolifici della storia del campionato italiano. Cifre che evidenziano un alto rendimento, ma “stranamente”, non gli sono mai valse la chiamata in Nazionale, quasi al pari con l’altro grande mancino bustocco Reguzzoni, che ne totalizzò solo due.
Con la maglia della Pro Patria, ventisei presenze nel campionato 1947-48, con 11 reti, alla pari di Antoniotti, per un attacco biancoblù che vedeva miglior marcatore con 18 Turconi e con 8 Cavigioli. Trenta le gare disputate in quello successivo, con sette marcature, andando a segno per la prima volta all’8^ giornata in Pro Patria – Fiorentina 2-4, il 4 Novembre 48. Alla 13^ giornata contribuisce con una doppietta (44’ e 60’), alla vittoria della Pro sulla Lazio a Roma per 5-2. In Pro – Modena, del 15 Maggio 1949, 36^ giornata, una vera e propria gara spareggio per la salvezza, segnò l’importantissima rete del vantaggio tigrotto al 31’ con Borra che fissò poi il punteggio sul 2-0 al 71’ , per un totale di 56 presenze e diciotto reti con la maglia della Pro.
E’ tra i migliori marcatori di sempre nel “Derby della Madunina”, avendo tra l’altro giocato con entrambe le casacche. In testa troviamo Giuseppe Meazza (poi allenatore della Pro agli inizi degli anni 50’): per lui 20 reti, di cui una però segnata con la maglia del Milan. Dietro di lui Luigi Cevenini III e Ciro Mario Cevenini II, entrambi divisi fra marcature rossonere e nerazzurre, quindi Gunnar Nordahl e, al quinto posto, il primo cannoniere ancora in attività, Andriy Shevchenko, a quota 12, assieme a proprio ad Enrico Candiani.
Umanamente era una persona semplice, che non ha mai fatto pesare a nessuno la sua inimitabile classe calcistica, che in tempi moderni lo avrebbe assurto molto probabilmente a divo di copertina, ma Candiani, non era proprio il tipo. Lo si poteva incontrare tranquillamente ogni giorno in centro, da buon bustocco a farsi un giretto, tra via Milano e Piazza Santa Maria, sempre cordiale e disponibile. Per decenni ha abitato nello stesso palazzo, di via Fratelli d’Italia, con un un suo ex compagno di squadra, Emidio Cavigioli, dove vivevano ad un piano di distanza,  nello stesso palazzo di via Fratelli d'Italia a Busto Arsizio. Fino a quando il fisico lo ha potuto sorreggere, era facile vederlo ancora allo "Speroni", per seguire la sua Pro. Il calcio lo seguiva sempre anche in Tv, non mancando di festeggiare in maniera pacata, come nel carattere, la vittoria della Nazionale ai mondiali di Germania, scendendo per le Vie della sua Busto Arsizio. 
Il ricordo più sentito, vivo e affettuoso di Candiani, è quello sintetizzato proprio da Emidio Cavigioli, che fu suo compagno di squadra nella Pro Patria e ne è stato sempre amico fraterno: ”Era un grande giocatore, un mancino nato. E una persona gioviale, sincera, un vero amico per tutti. Lo voglio ricordare semplice com'era, quando ogni mattina usciva, andava a comprare il giornale, il pane, passando sotto i portici di via Milano con quei suoi passetti piccoli, veloci e stretti, salutando chiunque incrociava. Lo conoscevano tutti, era benvoluto e stimato.
Mi ricordo quando arrivò, eravamo, impegnati nel campionato di Serie A 1947-48, "Candianella" si presentò a modo suo: segnando. Arrivò il 1 gennaio 1948, era un acquisto del mercato invernale. Venne direttamente in aereo a Napoli, dove giocavamo in campo neutro, col Bari, che aveva il campo squalificato. Be', vincemmo tre a uno e per lui fu subito gol
Fu l'inizio di una stagione e mezza di prodezze, con un reparto offensivo che rispondeva ai nomi, leggenda tra i vecchi tifosi, di gente come Candiani, Cavigioli, Turconi, Antoniotti.
Continua Cavigioli: “Enrico aveva un sinistro micidiale, fortissimo, col quale era capace però anche di segnare su calcio d'angolo,  ne fece almeno due così. Con lui e gli altri facemmo uno squadrone. In quel periodo abbiamo battuto fra gli altri Inter, Milan, Lazio, e clamoroso fu il 4-0 fuori casa che rifilammo alla Juventus all'ultima di campionato... Era il 4 luglio 1948, Carletto Parola (il difensore immortalato nella mitica rovesciata simbolo delle figurine Panini, ndr) ammattiva, avevamo fatto quattro tiri in porta e quattro gol. "Bel lavoro! Noialtri stiamo perdendo cinquecentomila lire a testa, disgraziati!" ci diceva. Era il premio per il secondo posto, che non vinsero a causa di quella partita”.

 

 

 

 

LA CARRIERA

 

  Altezza 176 cm - 72 Kg     

Palmares

1 Scudetto con l’Ambrosiana-Inter 1939-40

1 Coppa Italia con l’Ambrosiana-Inter 1938-39

 

Stagione

Squadra

Serie

P

R

1932-33

Pro Patria

A

-

-

1933-34

Pro Patria

B

-

-

1934-35

Ambrosiana-Inter

B

-

-

1935-36

Ambrosiana-Inter

A

-

-

1936-37

Ambrosiana-Inter

A

-

-

1937-38

Ambrosiana-Inter

A

-

-

1938-39

Ambrosiana-Inter

A

17

8

1939-40

Ambrosiana-Inter

A

22

8

1940-41

Ambrosiana-Inter

A

23

9

1941-42

Ambrosiana-Inter

A

28

4

1942-43

Inter

A

28

11

1943-44

Inter

Camp.sosp.

-

-

1944

Inter

Camp.sosp.

-

-

1945-46

Inter

Alta Italia

38

17

1946-47

Juventus

A

35

15

Ott. 47

Pro Patria

A

26

11

1948-49

Pro Patria

A

30

7

1949-50

Milan

A

22

8

1950-51

Livorno

B

8

2

1951-52

Foggia

C

27

7

 

 

La classifica marcatori del derby di Milano

 

1

Meazza

20

2

Cevenini III

17

3

Cevenini II

16

4

Nordahl

14

5

Shevchenko, Candiani

12