IL CAMPIONATO 1966-67

 

.

Stagione 1966/67 il 1░ campionato in serie C dopo un lungo periodo in B, con campionati esaltanti dove si era sfiorato il ritorno in Serie A e si erano lanciati giocatori di valore.

Questo campionato di serie C Ŕ decisamente un boccone amaro per l'appasionata tifoseria biancobl¨, la societÓ Ŕ sempre retta dal giovane Candiani in panchina Angelo Turconi, che aveva guidato la squadra nella parte finale della stagione precedente. La partenza Ŕ un mezzo disastro si perdono 5 partite di fila, tra cui il derby a Legnano per 2-1, si decide per una svolta che arriva dopo la partita con la Triestina, alla guida tecnica della squadra arriva Carlo Regalia che proprio nella stagione precedente a soli 32 anni aveva terminato la carriera e si occupava dei giovani biancobl¨.

Nativo di Lonate Pozzolo e cresciuto calcisticamente nella Gallaratese, Carlo Regalia giocatore era un centravanti non dotatissimo tecnicamente al quale sopperiva essendo combattente generoso con un buon senso del goal, arriv˛ alla Pro nel campionato 61-62 con Magni allenatore; attuale General Manager del Bari e della Lazio nella prima gestione Cragnotti, inizi˛ proprio in quella stagione la sua prestigiosa carriera, Ŕ senza dubbio uno dei maggiori esperti di calcio, soprattutto nel valorizzare i giovani con un occhio attento ai vivai, ultimi es. Zambrotta, Cassano, Nesta, Di Vaio.

Conscio dei problemi ma anche dei pregi di quella Pro, istaur˛ subito una politica dei giovani valorizzando alcuni virgulti delle giovanili biancobl¨ e scoprendono molti nelle squadre minori del circondario, in particolare dell'allora floridissimo vivaio del Mocchetti di San Vittore Olona, dal quale pesc˛ Vivian, Anelli, Denti, Oliva, e molti altri ne segnal˛ ma non arrivarono per carenza di fondi come i f.lli Bosani, Secondini, Paleari, Melgrati.

In porta va Romano Cazzaniga (poi fedele 2░ di Gigi Radice) al posto di Bertossi, a metÓ campo Manera (diventerÓ per anni bandiera del Genoa) all'ala il veloce Oliva, la squadra incomincia a fare punti ed a risollevasi lentamente dal fondo classifica.

A Nov. per sanare la situazione economica, viene ceduto il promettente Alberto Vivian in serie B al Foggia, la squadra offre partite generose con buoni sprazzi di gioco si vince il derby di ritorno a Busto x 2-1 e alla fine ci sarÓ un piazzamento a centro classifica con un 10░ posto con il pubblico che pian pian ritorna, ridestando anche un p˛ di entusiasmo nonostante la freddezza mostrata inizialmente per certe innovazioni e cambiamenti voluti da Regalia.

La squadra base: Cazzaniga (Bertossi), Rimoldi, Croci, Taglioretti, Isacchi(Biava), Lombardi (Vivian), Baffi, Manera(Sartore), Ceccotti, Ferraguti, Oliva (Blondelli)

 

TORNA INDIETRO

 

Torna alla storia della Pro Patria