Manca

S
0
0
g
0
0
h
0
0
m
0
0
s
0
0

al prossimo turno

PRO PATRIA

DARFO BOARIO

  • Classifica
  • Monza 80
    CilvergheMazzano 73
    Pergolettese 65
    Virtus Bergamo 63
    PRO PATRIA 59
    Pontisola 56
    Darfo Boario 54
    Caravaggio 47
    Seregno 45
    Grumellese 42
    Ciserano 37
    ScanzoRosciate 34
    Dro 33
    Olginatese 33
    Lecco 28
    Levico Terme 28
    Virtus Bolzano 26
    Cavenago-Fanfulla 24

IVAN JAVORCIC NUOVO ALLENATORE

 



 

Ivan Javorcic, secondo allenatore della Pro Patria per la stagione 2016-17, e primo tecnico croato nella storia biancoblù.

Nato a Spalato, in Croazia, il 24 gennaio 1979, Muove i suoi primi passi da calciatore nell'Hajduk Spalato. Viene visionato dall'allora allenatore del Brescia, Edy Reja. Poco più che 17enne nel 1996, raggiunge le "rondinelle", per un periodo di prova, per essere poi inviato in prestito al Mosor, nella seconda serie croata.

Nel campionato 1997-98, fa il suo esordio in Serie A, con la maglia del Brescia; a fine stagione raccoglie 12 presenze e realizza un gol, nella gara Udinese-Brescia 3-1. Nell'annata successiva le presenze sono 13, ma in serie cadetta. Nel 1999-00, sempre in Serie B con i bresciani scende in campo 23 volte. Passa poi al Crotone 8 presenze in Serie B, e quindi nel 2001-02 al Treviso in C1, due annate segnate da vari problemi fisici. Nel 2002-03 passa all'Atalanta in Serie A, ma senza calcare il terreno di gioco.
Nel campionato 2003-04 è all'Arezzo in C1, dove il 23 maggio 2004, a soli 25 anni di fatto chiude la sua carriera da calciatore, a seguito di un brutto incidente di gioco durante la partita Rimini-Arezzo. Dopo il trapianto di menisco esterno - primo calciatore professionista sottoposto ad un tale intervento - ritorna in campo dopo 29 mesi (due anni e mezzo) di stop, con il Pizzighettone in serie C1, dove scende in campo 16 volte nella stagione 2006-07. Altre operazioni e problemi fisici vari, lo vedono saltare completamente l'annata 2007-08.
Nella campionato 2008-09, è alla Feralpi Lonato in Serie D, raccogliendo solo 9 presenze. Dopo cinque operazioni subite al ginocchio, l'ultima nell'aprile 2009, e anche a causa di problemi cronici alla cartilagine, chiude ufficialmente la sua carriera da calciatore a soli 30 anni.


Da agosto 2009, inizia a lavorare nel settore giovanile del Brescia, con i Giovanissimi Nazionali, poi la formazione "Berretti" per due campionati e quindi la "Primavera", per un totale di sei stagioni.
Il 15 dicembre 2014 viene promosso ad allenatore della prima squadra a seguito dell'esonero di Ivo Iaconi; dal gennaio 2015 ne diventa vice, lasciando l'incarico a Salvatore Giunta in quanto sprovvisto del patentino necessario richiesto dalla Lega Calcio per poter allenare una squadra di Serie B. Il 31 gennaio, a seguito di due sconfitte, viene esonerato insieme a Giunta e sostituito da Alessandro Calori.
Il 27 ottobre 2015 diventa il nuovo allenatore del Mantova, in Lega Pro, subentrando all'esonerato Riccardo Maspero. Prende la squadra al quint'ultimo posto in classifica, con 8 punti raccolti in altrettante gare disputate. Il 14 marzo 2016 viene esonerato e sostituito da Luca Prina, dopo un ruolino di marcia fatto di 18 partite, con 15 punti in conquistati, frutto di due sole vittorie, nove pareggi e sette sconfitte. Squadra lasciata al terz’ultimo posto in classifica con 23 punti, a 5 lunghezze dalla salvezza diretta a 8 giornate dal termine.
Nell'estate 2016 è dato come possibile tecnico della Pro Piacenza in Lega Pro, ma gli viene preferito Fulvio Pea.